Il Feldenkrais per vedere meglio

Passi tre ore davanti al pc e si restringe il campo visivo sia in ampiezza che in profondità. Molti di noi utilizzano ormai sistematicamente il computer. Di solito sottovalutiamo il compito degli occhi. Il Feldenkrais per vedere meglio è il tema di un seminario che propongo regolarmente. Se ti iscrivi al seminario puoi sperimentare come l’uso degli occhi sia correlato con i movimenti di tutto il corpo. Ecco perché è interessante diventare più consapevoli del loro uso.

Quanto sai veramente sulla vista e l’uso degli occhi? Lo sai che l’atto di vedere implica la coordinazione di occhi, cervello e corpo?
Il Metodo Feldenkrais è una pratica corporea che si presta molto bene ad essere utilizzata per ridurre/risolvere difetti visivi (tutti). Naturalmente i benefici non sono così immediati perché i difetti visivi sono spesso legati a problemi di postura, di respirazione e di scarso movimento in generale. Imparare ad usare gli occhi per il movimento e in modo rilassato migliora infatti la postura e la respirazione oltre che la qualità della vista.

La testimonianza di Andreina.

Uno dei gruppi che ho condotto qualche tempo fa, si è formato partendo dall’esigenza di una persona che mi ha chiesto di fare un lavoro specifico con il Feldenkrais sugli occhi per il suo “difetto” di strabismo.
Andreina ha lasciato una preziosa testimonianza:

Mi sono sempre interessata ai metodi naturali per la correzione di difetti visivi e sapevo che il Feldenkrais poteva aiutarmi. Ho partecipato ad un ciclo di lezioni per “Vedere meglio” ed è stata un’esperienza molto positiva. Mi ha aiutato a rilasciare le tensioni del collo e liberare i movimenti della testa. Ho capito che ci sono dei collegamenti tra i movimenti di collo e testa e il  movimento del bacino. Il bacino in effetti, in noi occidentali, è abbastanza bloccato. Dopo la lezione gli occhi erano rilassati e la visuale più ampia, tutto era più nitido e questa sensazione perdurava. Il lavoro con gli occhi nel Metodo Feldenkrais richiede un po’ di pazienza, ma è in grado di dare ottimi risultati perché allenta tutte le tensioni del corpo. Lo consiglio a tutti.

Per me condurre questo gruppo è stata una grande sfida. Dal considerare il “problema di vista” che mi era stato indicato, sono passata ad una visione più ampia che mi consentisse di organizzare il lavoro semplicemente perché i partecipanti potessero gestire in modo costruttivo i difetti oculari e migliorare l’uso degli occhi, ma soprattutto di se stessi. Mi hanno aiutato anche le conoscenze che ho del Metodo Bates.

Sia il Metodo Feldenkrais che il Metodo Bates sono metodi essenzialmente educativi e non si occupano di problemi fisiologici o di malattie. L’esperienza dimostra infatti che quando le persone dalla vista imperfetta acquistano “l’arte di vedere”, gli organi della visione tendono a liberarsi dei loro difetti fisici.

Il Feldenkrais per vedere meglio.

Le persone che partecipano al programma il Feldenkrais per vedere meglio hanno benefici soprattutto su una serie di tensioni, come per esempio al collo e alle spalle, dovute anche a sforzi della vista. L’effetto più evidente delle lezioni è proprio quello di diminuire queste tensioni e la conseguenza è che gli occhi sono più rilassati e vedono meglio! Al tempo stesso le lezioni che mirano al rilassamento degli occhi e della muscolatura oculare hanno un effetto positivo e di rilassamento generale. Regalano fluidità e armonia a tutta l’azione, fanno sorridere di più e danno spazio alla creatività. Ampliare la visione vuol dire non solo vedere meglio ma avere nuove e positive idee.
Altra caratteristica del programma il Feldenkrais per vedere meglio è che le lezioni proposte sono basate sulle leggi si sviluppo del sistema nervoso e sulla plasticità del cervello. Le lezioni sono pensate per creare le condizioni e gli stimoli adatti affinchè l’allievo possa svolgere un ruolo attivo nel processo di miglioramento. L’esperienza spesso è integrata nell’ambiente naturale utilizzando la luce del sole e la percezione spaziale.

Come utilizzi te stesso?

La modalità di insegnamento del Metodo Feldenkrais, infatti, consiste nello strutturare esperienze che consentono agli allievi di comprendere come utilizzano se stessi.

Cambiare abitudini e convinzioni è possibile soprattutto quando si sperimenta un altro modo di fare che si aggiunge a queste abitudini per poter operare una scelta.

È utile pensare che la propria visione del mondo non è la realtà oggettiva, che il proprio stile visivo è soprattutto espressione di convinzioni e condizionamenti ed è importante diventarne consapevoli.
In particolare il Metodo Feldenkrais si distingue perchè permette di modificare profondamente il modo di essere della persona, aiutandola a risolvere o migliorare disfunzioni fisiche e psichiche.

Per gli approfondimenti sul Metodo Feldenkrais.

Bibliografia:
Lo Sguardo in Movimento di Mara Della Pergola, insegnante Feldenkrais, Direttore didattico dell’IsFFel di Milano – Istituto di Formazione Feldenkrais;
Lezioni di movimento di Moshe Feldenkrais;
L’uso degli occhi nel movimento di Jack Heggie, insegnante Feldenkrais che si è distinto nella sua carriera per l’applicazione del metodo in campi specifici.

Per gli approfondimenti sul Metodo Bates:
Vedere meglio senza occhiali di Margaret Darst Corbett, allieva di William H. Bates che fu la prima persona a capire che il funzionamento degli occhi poteva essere migliorato e a sviluppare un sistema pratico per farlo.


Post Your Thoughts

Join event